Ecco la nuova arteria Terraglio Est per sciogliere i nodi del traffico

inCantiere Dicembre 2016

Premio di accelerazione in arrivo con la consegna anticipata dei lavori in località Casier – Casale sul Sile

Ecco la nuova arteria Terraglio Est per sciogliere i nodi del traffico Image

Un intervento che fluidifica la circolazione stradale. Qual è il fine principale dell’opera?

L’arteria di progetto denominata “Terraglio Est” si sviluppa nei Comuni di Treviso, Casier e Casale sul Sile ed ha il principale fine di completare il disegno di viabilità esistente ad est del Terraglio, fornendo una seconda opzione alla circolazione nell’area in alternativa al congestionato tragitto dell’attuale statale.

La nuova strada è stata progettata al fine di sgravare l’elevato flusso di traffico lungo il Terraglio, fra Treviso, Preganziol, Mogliano Veneto e Mestre, ma anche lungo la S.P. 107 nel territorio di Casier che ora supporta in modo improprio l’eccesso di mobilità e che con la S.P. 104 e la S.P. 63 costituisce la viabilità principale dell’area, inadeguata per il diffuso attraversamento di centri abitati, causando problemi sia di sicurezza che di inquinamento acustico ed atmosferico, e disagi alla vivibilità degli abitanti.

La localizzazione della strada in corso di realizzazione consente quindi un intervento di riordino e razionalizzazione dei collegamenti locali esistenti, offrendo nuove prospettive future.

Qual è stato l’aspetto costruttivo più significativo durante i lavori?

L’aspetto più innovativo riguarda l’intervento di posizionamento dell’impalcato: un ponte ad arco autocontrastato con luce di 65 mt, realizzato sopra un laghetto, con larghezza totale di 18,80 mt, con passerelle ciclabili su entrambi i lati.

Per il posizionamento dell’impalcato è stato effettuato un varo a spinta con l’ausilio di un avanbecco metallico. Dopo aver assemblato l’impalcato ed averlo connesso con la prima parte dell’avambecco, è stato spinto attraverso l’ausilio di carrelloni gommati. Una volta sporti per circa 42 mt dalla spalla, è stata aggiunta la seconda parte dell’avanbecco mediante l’ausilio di una gru dall’altra spalla, connessa solo nella briglia superiore con dei perni. A gru rimossa, sono stati inseriti anche i perni nella briglia inferiore dell’avambecco in modo da creare continuità strutturale e successivamente è stata tolta la zavorra dall’impalcato. Il carrellone è stato posto dietro l’impalcato ed utilizzato per spingere la struttura. È stata inoltre prevista una zavorra per consentire il grip dei carrelloni. Premio di accelerazione all’orizzonte.

Come sono stati organizzati i turni di lavoro?

Per la realizzazione del ponte sono stati impiegati fino a 15 operai contemporaneamente, tra saldatori, verniciatori e assemblatori. I turni di lavoro sono stati organizzati per rispettare il timing concordato. Il cantiere è stato organizzato attraverso puntuali riunioni di coordinamento della squadra, per organizzare al meglio le maestranze e garantire l’esecuzione dei lavori senza soluzione di continuità, anche nella fase notturna.

A che punto è il timing del cantiere?

Non solo verrà rispettata la scadenza, ma consegneremo l’opera in anticipo ottenendo così il premio di accelerazione previsto nel contratto. Il termine di consegna scade il 31 ottobre, mentre il premio di accelerazione implica la consegna anticipata, entro il 30 giugno. E noi siamo in perfetta linea con il cronoprogramma che prevede la consegna anticipata: prevediamo di completare l’opera entro fine aprile 2017.

 

I NUMERI DEL CANTIERE

• 2.750 mt: lunghezza dell’intervento, di cui 1650 mt di allargamento della strada esistente 
43.000 mc di scavi
2.700 mc di calcestruzzo
65 mt di lunghezza, 18.80 mt di larghezza e 307.000 kg di peso del ponte metallico 
310.000 kg di acciaio 
• 30.000 mc rilevati 
102 pali trivellati con sistema cfa diam. 62 cm h.26 mt a sostegno delle spalle dei ponti
4 nuove rotatorie realizzate con diametro esterno di 42 mt 
23 travi varate in cap. per la realizzazione di 3 ponticelli lungo la percorrenza di cui: nr. 1 dim. 10,20 x 16 mt, nr.1 dim. 15,50 x 17,50 mt, nr. 1 dim. 4,60 x 12,30 mt
 

SCEHDA DEL CANTIERE

Committente: Veneto Strade 
Inizio lavori: 01.07.2015
Fine Lavori: 31.10.2017 
Tipo di opera: Infrastrutture
Valore dell’opera: importo contratto euro 5.314.320 + importo opere complementari euro 779.684,50
General Manager: Ing. Stefano Zilio 
Project Manager: Geom. Nicola Battocchio 
Site Manager: Geom. Michele Miazzi 
Tecnico della Sicurezza: Arch. Filippo Coletti 

 

Condividi questo articolo:

Ultimi articoli

Corsi (Giugno 2019)

CORSI DI FORMAZIONE Partecipanti Ore Aggiornamento Dirigenti 6h Aggiornamento Formazione Dirigente 6h Aggiornamento Formazione Primo Soccorso 6h  Aggiornamento Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza 8h Aggiornam(…)

Continua a leggere

Nuova piattaforma cloud e digitalizzazione dei dati

Ecco le innovazioni dello smart working che consentono alla squadra Carron di lavorare sempre e ovunque

Continua a leggere

Ultimo magazine

Archivio magazine

 
 
Proposte Immobiliari
 

Appartamento tre camere

Treviso (TV)

 
 

Appartamento due camere

Treviso (TV)

 
 

REDAZIONE

Carron s.p.a. | via Bosco, 14/1 - 31020 San Zenone degli Ezzelini (TV) | tel: +39 0423 9657 | info@carron.it

made in Nextep