arrow-left-lightarrow-left-thinarrow-right-lightarrow-right-thinarrow-rightbriefcaseclose-4closedownload-2download-3downloademail-2emailenvelopeexpand-buttonlinklocklogo-carronpadlock-2padlockpager-arrow-leftpager-arrow-rightsearchsharesocial-facebooksocial-instagramsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-whatsappsocial-youtubetimes

Forte Sant'Elmo - Malta

Restauro e RistrutturazioneIndustriale

Il forte sorge a difesa della capitale La Valletta dichiarata dall’Unesco patrimonio mondiale dell’umanità. Il primo nucleo risale al 1551 e venne poi ampliato nel corso dei secoli. Oggi ospita l'Accademia di Polizia e il National War Museum, dove sono esposte testimonianze della Seconda guerra mondiale, tra cui l'unico biplano "sopravvissuto" alla guerra e la George Cross inserita dal governo maltese nella propria bandiera.
L’intervento riguarda la ristrutturazione degli spazi che oggi ospitano l'Accademia di Polizia, il Museo della Guerra e l'Ufficio immigrati. La Soprintendenza ha seguito costantemente ogni fase di lavorazione, dato l’alto valore storico del monumento. Tra i punti più critici affronati: le conseguenze di mancate opere di manutenzione, alcune ricostruzioni effettuate con materiali non in sintonia con quelli preesistenti, danni derivanti dall’azione degli agenti atmosferici e carenze strutturali legate a eventi bellici. Grande attenzione è stata dedicata al progetto strutturale e al piano sicurezza a tutela delle maestranze.
  • Ente appaltanteGHRC - Malta
  • Luogo Malta vedi mappa
  • Data inizio lavori17/04/2012
  • Data fine lavori24/04/2014
  • Tipo di operaRestauro
  • ProgettistaDeMicoli & Associates, Architects

Gallery